L'Abete bianco
Suggestioni

Tipologia: Flora
Specie: Alberi

Descrizione:
Narrazione

Presenta un areale di diffusione ampio anche se frazionato, minacciato dall’azione antropica e dalle variazioni climatiche che ne stanno riducendo drasticamente i nuclei insediativi.
Trova il suo habitat naturale ad altitudini comprese fra i 400 e i 2100 m s.l.m., prediligendo zone a piovosità e umidità atmosferica medio-alte.
In centro Italia si trova in gruppi isolati sui Monti della Laga, ove alcuni esemplari superano i 40 m di altezza e i 200 anni di età.
Autentici monumenti arborei.


L'abete bianco

I boschi di Abies Alba, puri o misti, costituiscono associazioni vegetali prioritarie in base alla DIRETTIVA HABITAT 92/43.
I maestosi esemplari secolari rappresentano relitti di estesi boschi che in passato colonizzavano l’Appennino.
La loro storia è legata a fattori climatici. L’ultima glaciazione spinse queste conifere a latitudini più basse. Oggi, il surriscaldamento globale e l’utilizzo smodato del suo legname, sono la conseguenza della graduale regressione.
La tutela dell’Abete Bianco è legata al bagaglio genetico, unico e originale, utile agli studiosi per la ricostruzione della storia naturale dei luoghi in cui è ancora presente.




Dettagli:
Genere ABIES 
Specie ABIES ALBA 
Famiglia PINACEAE 
Nome volgare ABETE BIANCO 
Dimensioni Normalmente 30 metri.
Alcuni esemplari superano i 45-50 metri 

ColoreVerde-blu cupo 
Fioritura La fioritura avviene tra maggio e giugno 
Habitat 
Zone montane ad altitudini comprese tra i 400 e i 2100 m s.l.m.
Predilige terreni profondi, freschi e silicei che si trovano in zone a piovosità e umidità atmosferica medio-alte


Liste Rosse:: ABR
VU (vulnerabile)